Studio estetica del volto

Nel lungo corso della storia dell’ umanità, i canoni di bellezza femminile hanno subito vari cambiamenti.
Così come la moda,  la definizione di bellezza è in continua evoluzione: è il risultato di costruzioni socio-culturali, di costumi, di idee, di pensiero che portano ad influenzare forme e contenuti che variano nel tempo.

Gli antichi Greci associano alla bellezza concetti quali grazia, misura e proporzione: un corpo è bello quando esiste equilibrio, simmetria ed armonia.

Sulla base di questi concetti tramandati dalla storia il nostro come odontoiatri, non può prescindere dallo studio dell’estetica del volto.

Intervenire sul sorriso e sulla bocca del paziente, soprattutto se femminile, comporta una serie di valutazioni che devono essere prese in accordo con l’insieme della persona, il suo portamento, il modo di parlare di muoversi…. uno studio estetico del volto.

In collaborazione con la nostra equipe di esperti in medicina estetica e chirurgia plastica valutiamo e proponiamo  ricostruzioni dentali mirate alla massima naturalezza ed armoniosità.

Non esistono parametri universali per definire bellezza di un volto. Per determinare l’equilibrio e l’armonia di un viso intervengono diversi fattori: prima tra tutti il sorriso. La pelle attorno alla bocca ha però bisogno di attenzioni costanti che spaziano dall’alimentazione equilibrata all’utilizzo di trattamenti idratanti ed elasticizzanti.

La bellezza dei denti fa l’ 80% della bellezza di tutta la bocca. Una bocca piacevole con labbra ben disegnate  e un sorriso smagliante fa il 50%  della bellezza di tutto il viso.

E’ la prima immagine di noi . Una recente ricerca USA ha confermato che il sorriso insieme agli occhi è la parte del corpo che le persone osservano di più sia in una donna (46,3%) che in un uomo (28,8%).

Gummy Smile

Un intervento parodontale risolve il problema estetico

sorriso cavallino

Il sorriso gengivale o gummy smile o sorriso cavallino è una eccessiva esposizione delle gengive durante il sorriso .

La causa dipende da vari fattori:

– un’iperattività dei muscoli che sollevano il labbro gengivale;
– un labbro troppo corto;
– le ridotte dei denti uperiori.

Arriva dall’America la nuova tecnica che permette  di risolvere in modo definitivo questo problema estetico.
Un piccolo ma risolutivo intervento parodontale, non  invasivo non doloroso, ci permette di “accorciare” la parte interna del labbro superiore, riducendo la mobilità verso l’alto: si limita così , quasi a piacere, l’esposizione della gengiva e dei denti. Una tecnica semplice per ritrovare un sorriso gradevole e armonioso.