Quando si parla di faccette dentali ci riferiamo alla medicina estetica odontoiatrica per la correzione dei difetti dovuta a scarsa igiene orale, da denti storti e denti ingialliti o sproporzionati attraverso l’uso di faccette applicate sui denti.

La faccetta dentale può essere in ceramica o in porcellana ed è un intervento, pur avendo un costo elevato, che riesce ad evitare soluzioni più estreme e molto più costose come impianti dentali o quando il laser non riesce a dare effetti positivi.

Quando è consigliato metterle?

  • Denti usurati
  • Denti pigmentati a causa di assunzione di farmaci
  • Denti storti p mal posizionati se non in modo eccessivo le faccette possono essere una valida alternativa all’ ortodonzia
  • Denti separati da diastema se la separazione non è eccessiva
  • Alterazione morfologiche dei denti: denti conoidi e denti corti.
  • Denti con alterazioni strutturali dello smalto

faccette dentali? NI

Le faccette dentali non sono indicate per tutti i pazienti.

E’ sempre necessaria una diagnosi precisa e attenta dei casi in cui sia la soluzione ottimale. In casi di arcate ampie la ricostruzione potrebbe non essere ottimale.

Inoltre la tecnica di esecuzione è complicata e molto lunga.

E’ un trattamento irreversibile.

Scarse possibilità di modifica.

Il procedimento richiede la limatura del dente naturale per incollare la faccetta, di conseguenza, il dente non potrà essere recuperato in futuro.